venerdì , 23 giugno 2017
Home » I protagonisti della musica » Susanne Martinet. La musica del corpo

Susanne Martinet. La musica del corpo

Susanne MartinetSusanne Martinet si diploma all’Istituto di musica e ritmica Jaques-Dalcroze di Ginevra, e in seguito approfondisce la sua formazione attraverso la pratica di tecniche diverse: la danza, lo yoga, l’eutonia (è un metodo che propone la ricerca dell’equilibrio della persona nella sua totalità, partendo dalla postura, dal tono, dalla presa di coscienza del corpo) e la voce (in particolare con il Roy Hart). Dopo anni di insegnamento di ritmica in Svizzera e aParigi, si concentra sul movimento;  la sua ricerca la porta ad elaborare un nuovo metodo personale, sviluppando i principi di Emile Jaques-Dalcroze.

Il metodo ha il fine nell’accrescimento del senso musicale dell’intero corpo, coinvolgendo la persona in una sintesi armoniosa di ogni suo aspetto: fisico, mentale ed emotivo.

Susanne Martinet ha insegnato il suo metodo a Ginevra (all’Istituto Jaques-Dalcroze, al Conservatorio sezione arte drammatica, alla scuola di psicomotricità), in Francia (corsi di formazione per educatori e scuole di teatro), LussemburgoSvezia (nei Conservatori),Italia (con la S.I.E.M. – Società Italiana per l’Educazione Musicale –  in Conservatori e in ambiti diversi).

Ha sistematizzato la sua metodologia nel libro La musica del corpo (ed. Erickson), ricco di idee per chi è interessato alla relazione musica-movimento. Il Conservatorio di Padova,nel 2000, primo in Italia, ha istituito il corso di formazione nell’Espressione Corporea secondo la sua metodologia.

Vediamo qualche peculiarità del metodo di Susanne Martinet.

Quali scopi?  Prendere coscienza del proprio corpo; riuscire a esprimere ciò che è dentro di sé; affinare il proprio ascolto e la propria sensibilità.

Quali mezzi? Lavorare sul corpo nella sua totalità e nel particolare; studiare gli elementi base del linguaggio musicale egli elementi tempo, spazio, energia; scoprire i diversi modi di comunicare.

Quali caratteristiche?  Si ispira a J. Dalcroze; è continuamente in evoluzione, in ricerca, è musicale e formativo; sviluppa la fantasia, il rigore, la conoscenza di sé, la fiducia in se stessi.

Lavora in ambiti come movimento corporeo espressivo, la ritmica, la voce.

Usa materiali come bastoni, bamboo, foulards…

La musica viene vissuta attraverso il corpo.

Quali sono gli utenti migliori? Ogni persona che desidera lavorare su se stessa, chi è impegnato in campo artistico, le persone la cui professione è orientata verso gli altri: psicologi, insegnanti, educatori…

Maggiori informazioni sul suo sito  della Associazione La musica del corpo

(Credits: foto La musica del corpo; video ellissas80)

Chiara Pisati

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*