domenica , 22 ottobre 2017
Home » Capire la musica » Teoria musicale

Archivio della categoria: Teoria musicale

Il pentagramma

pentagramma, rigo multiplo

Abbiamo già parlato di altezza del suono, cioè del fatto che un suono può essere più o meno acuto, più o meno grave. Nella scrittura musicale, per indicare l’altezza dei suoni si usa collocare le figure che rappresentano le note su un rigo, detto anche pentagramma. Con il termine pentagramma si indica, a voler essere precisi, il rigo semplice, quello composto da ... Continua a leggere »

Altezza dei suoni e gradi della scala

Nel post Guido Monaco e i nomi delle note ti ho raccontato che per Guido i nomi Ut-Re-Mi-Fa-Sol-La non indicavano l’altezza assoluta di un suono, ma la sua posizione all’interno della scala. Per capire questa differenza è necessario sapere che cosa si intende con altezza assoluta di un suono e con posizione all’interno di una scala. Sicuramente avrai notato che ... Continua a leggere »

La pausa

La pausa

La pausa in musica rappresenta un preciso momento di silenzio. La scrittura musicale in occidente è il risultato di una lunga evoluzione storica che si può far risalire alle prime forme di indicazione adoperate dai monaci, per ‘fissare su carta’ le principali linee melodiche. Solo con l’Ars nova furono introdotti i primi essenziali valori musicali , ma ancora non si considerano le pause come parte effettiva integrante dinua partitura. ... Continua a leggere »

Cadenze armoniche

cadenza perfetta

Esempio di cadenza: Cadenza Autentica o Perfetta     La cadenza è una formula armonico-melodica, e consiste nella successione di due (o più) accordi, che conclude un brano musicale, o una sua frase o sezione. Nel linguaggio musicale le cadenze hanno un ruolo per certi versi paragonabile a quello della punteggiatura nell’espressione verbale. Essa è uno dei momenti più importanti di una ... Continua a leggere »

Il Suono. Ne parliamo sempre, ma cosa è in realtà?

onde sonore

Suoni della stessa intensità (l’altezza delle onde è indentica), ma di diversa frequenza (onde più ravvicinate o distanziate) Senza voler entrare nel merito di questioni fisiche e matematiche, vediamo di capire, o per lo meno accennare cosa è in realtà quello che noi chiamiamo ‘suono’. Tutti se diciamo la parola capiscono cosa si intende, ma conosciamolo meglio. Il suono (dal latino sonum) è la sensazione che ... Continua a leggere »

Guido monaco e i nomi delle note. Un’origine poetica

Inno di san GIovanni

I nomi delle note in uso nei paesi di lingua latina, come l’Italia, la Francia e la  Spagna sono legati ad un’invenzione del monaco Guido d’Arezzo (995-1050). Guido era un insegnante e cercava un modo che rendesse più semplice ai suoi allievi l’apprendimento di nuove melodie. Osservò che le prime sillabe dei primi sei versetti di un inno in onore di san ... Continua a leggere »