giovedì , 22 giugno 2017
Home » Gli strumenti musicali » Il flauto di Pan, un ‘mito’ di strumento

Il flauto di Pan, un ‘mito’ di strumento

flauto di Pan cilenoFlauto di Pan cileno

Il flauto di Pan (o siringa) è uno strumento musicale aerofono, costituito da più canne di lunghezza differente, legate o incollate fra loro, il cui numero può variare da strumento a strumento. Per ottenere il suono si soffia trasversalmente sulle aperture superiori delle canne.

La sua origine è fra le più antiche e data la facilità e l’economicità di costruirne uno, nel tempo divenne molto popolare, soprattutto tra le comunità pastorali. Le canne sono in bambù oppure ricavate da canne palustri tagliate secondo lunghezze differenti, comprensibilmente con le dovute differenze è uno strumento diffuso in varie regioni del mondo.

Una variante chiamata firlinfeu, è tradizionalmente in uso nella Brianza; il paese europeo dove lo strumento conosce il maggior successo è probabilmente la Romania; è presente anche in altre regioni del mondo, quali ad esempio la Cina o le Isole Salomone, ma ha il suo massimo sviluppo in America del Sud, nell’area andina, dove è chiamato zampoña o siku.

Il Flauto di Pan va suonato tenendo la fila di canne inferiori (se disposto su due file come da modello andino) rivolte verso di sé, e comunque con le canne più corte, che emettono suoni acuti, verso la sinistra di chi suona.Il soffio deve essere emesso a labbra strette, in modo da lasciare una fessura né troppo stretta né troppo larga, abbastanza per far passare un flusso d’aria leggera e veloce. Nella costruzione bisogna accertarsi le canne utilizzate siano secche, poiché se le canne si seccano a posteriori, lo strumento  cambia di intonazione e cala.

Normalmente, riguardo alle tonalità, le siringhe si rifanno ai luoghi di origine, le siringhe africane sono senza tonalità fissa, anche se la nota più grave è sempre un do e quella più acuta è spesso un sol, le siringhe dei mahori sono in diverse tonalità, che si possono paragonare, come estensione, ai flauti soprano, contralto, tenore e basso.

Secondo la mitologia greca il creatore del “flauto di Pan” è appunto il dio Pan. Un giorno il dio si innamorò di una Ninfa degli alberi, ma lei per scappare da Pan si andò a rifugiare in un campo di canne. A questo punto chiese aiuto alla dea e le chiese se la poteva trasformare in una canna; il dio Pan vide che si rifugiò in questo campo, ma non vedendola più capì cosa era successo e allora prese una canna e la tagliò, la unì e ci soffiò dentro, consolandosi con la musica.

Buon ascolto: http://youtu.be/e5WKgLTUNPg

(Credits: foto Andrew Dunn; video Martin Ortiz Andia)

Chiara Pisati

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*